A.R.D.A. –Anonimi in Recupero della Dipendenza Affettiva.

Sono due Gruppi di Auto Mutuo Aiuto che seguono la metodologia dei 12 passi, derivanti dagli Alcolisti Anonimi.
I Gruppi A.R.D.A, trattano la stessa tematica, cioè la dipendenza affettiva.

Se ne sono creati due, in quanto s’incontrano in giorni diversi della settimana, a settimane alterne.
Si può far parte di entrambe i Gruppi, avvisando ogni volta le responsabili dei due gruppi.

Perché la dipendenza affettiva?

La dipendenza affettiva, è la dipendenza che è alla base di tutte le altre.
I problemi relazionali di coppia/familiari/sociali, difficoltà di avere una relazione stabile, l’emarginazione, il fumo, l’alcool, la droga, il troppo lavoro e così via, partono tutti dalla dipendenza affettiva.
Attraverso il Gruppo e la metodologia dei 12 passi, si possono mettere delle nuove basi alla nostra vita.

L’Auto Mutuo Aiuto (aiutare se stessi e gli altri, attraverso le esperienze), è uno strumento che trasforma le singole esperienze in risorse per tutti.
Attraverso questa metodologia s’ impara a confrontarsi, a ritrovare fiducia in se stessi e negli altri ad acquisire autostima, ad aprire il cuore e a trasmettere emozioni, sentimenti e pensieri.
La depressione, l'ansia, il panico, la malinconia, il dolore, la confusione, la solitudine non sono vissute come una malattia, ma come momenti di vita che chiunque può trovarsi ad esperire; quello che cambia è il modo di affrontarli e superarli, assieme ad altre persone

  • PRIMA PROMESSA
    Accettiamo noi stessi in modo completo, pur volendo cambiare parte di noi. E' presente in noi un fondamentale amore e rispetto di noi stessi, che nutriamo con cura e deliberatamente diffondiamo.
  • SECONDA PROMESSA
    Accettiamo gli altri come sono, senza volerli cambiare per soddisfare i nostri bisogni
  • TERZA PROMESSA
    Abbiamo coscienza dei nostri I sentimenti e atteggiamenti in ogni aspetto della nostra vita, compresa la sessualitá
  • QUARTA PROMESSA
    Abbiamo caro ogni aspetto di noi: la personalità, I'aspetto fisico, le convinzioni e i valori, i corpi, gli interessi e le nostre capacità. Ci valorizziamo piuttosto che cercare una relazione che ci dia valore.
  • QUINTA PROMESSA
    La nostra autostima è sufficiente a permetterci di godere della compagnia di altri, che vanno bene così come sono. Non abbiamo bisogno che qualcuno abbia bisogno di noi per sentirci meritevoli
  • SESTA PROMESSA
    Permettiamo a noi stessi di essere aperti e fiduciosi con le persone giuste, ma insieme non ci esponiamo allo sfruttamento da parte di chi non è interessato al nostro benessere.
  • SETTIMA PROMESSA
    Ci chiediamo: "E' buona questa relazione per me? Mi permette di crescere e diventare tutto do che ho la capacita di diventare?"
  • OTTAVA PROMESSA
    Quando una relazione è distruttiva abbiamo la capacità di lasciarla perdere senza cadere in una depressione invalidante. Abbiamo una cerchia di amici capaci di darci appoggio ed interessi sani che ci permettono di superare la crisi.
  • NONA PROMESSA
    La nostra serenità è iI fattore più importante. Tutte le lotte, il dramma e il caos del passato hanno perso il loro fascino. Siamo protettivi nei confronti di noi stessi, della nostra salute e del nostro benessere.
  • DECIMA PROMESSA
    Sappiamo che una relazione, per poter funzionare, deve avvenire tra persone che condividano simili valori, interessi ed obiettivi, e che abbiano la capacità di vivere un rapporto intimo. Sappiamo anche che meritiamo iI me

 I gruppi AMA sono formati da persone che condividono dei disagi comuni, e si riuniscono per raggiungere l'obiettivo del reciproco sostegno.
Il gruppo può essere una fonte per accrescere le possibilità di   autodeterminare le proprie scelte di vita, migliorando l'autostima, promuovendo le reciproche potenzialità positive attraverso il coinvolgimento personale.
La condivisione delle esperienze vissute diventano uno strumento per "trasmettere forza all'altro", puntando così sulla  responsabilità personale della vita dei singoli individui, attraverso un percorso spirituale, regolato dai 12 passi.
 Le persone partecipano secondo la loro disponibilità portando le proprie storie di vita, ognuno con la propria soggettività, ascoltando e comunicando

I dodici passi, come già menzionato, sono un percorso spirituale . Nascono dai gruppi degli  alcolisti anonimi, ma opportunamente modificati, servono per affrontare qualsisiasi tipo di disagio o dipendenza.
IAnche se i gruppi per loro natura, non hanno una posizione religiosa, utilizzano un percorso spirituale, per affrontare passo passo, poco alla volta, le differenti problematiche, mettendosi in discussione in modo equilibrato, in modo da assumersi le proprie responsabilità,  lasciando agli altri le loro.

Le dodici tradizioni, sono la parte più organizzativa del programma dei gruppi A.M.A. I gruppi A.M.A. per poter esistere e durare nel tempo, devono seguire delle tradizioni, che danno l'opportunità sia di crescere e di cambiare la propia vita, che di sentirsi parte del gruppo, come responsabili del benessere di tutti i partecipanti del gruppo. Il senso di appartenenza e la responsabilità, contribuisce sia al personale benessere che alla crescita del gruppo.

  • PRIMA TRADIZIONE
    Il nostro comune benessere deve venire per primo; iI progresso personale di ciascuno dipende dall´unità del gruppo.
  • SECONDA TRADIZIONE
    Per le sue finalità il nostro gruppo riconosce un´unica autorità, un Dio d´amore così come puo esprimersi nella coscienza del nostro gruppo. I nostri conduttori non sono che servitori cui Egli ha dato fiducia, essi non governano
  • TERZA TRADIZIONE
    L´unico requisito per appartenere al nostro gruppo e il desiderio di guarire dalla dipendenza
  • QUARTA TRADIZIONE
    Il gruppo deve essere autonomo, eccetto che per le faccende riguardanti i programmi Anonimi nella loro totalità
  • QUINTA TRADIZIONE
    Il gruppo non ha che uno i scopo: che le persone che lo compongono si aiutino reciprocamente e si recuperino dalla dipendenza.
  • SESTA TRADIZIONE
    Il gruppo non deve mai sostenere, finanziare o prestare il suo nome a imprese esterne, così da non essere distratto dalsuo primario obiettivo spirituale da questioni finanziarie.
  • SETTIMA TRADIZIONE
    Il gruppo deve essere del tutto autosufficiente quanto a finanze e rifiutare contributi esterni.
  • OTTAVA TRADIZIONE
    II lavoro dei componenti del gruppo sui 12 passi deve rimanere sempre non professionistico, ma per il servizio si potrà impiegare personale specializzato.
  • NONA TRADIZIONE
    Il nostro gruppo come tale non deve essere organizzato, ma è possibile creare comitati di servizio o commissioni che rispondano direttamente a coloro di cui sono al servizio.
  • DECIMA TRADIZIONE
    Il gruppo è neutrale rispetto a istanze esterne e iI suo nome non deve comparire in pubbliche controversie.
  • UNDICESIMA TRADIZIONE
    La nostra politica e basata sull´adesione piuttosto che sulla promozione dobbiamo sempre mantenere I´anonimato personale a livello di stampa, radio, cinema e TV. Dobbiamo porre particolare cura nel salvaguardare "anonimato" di tutti quelli da cui siamo state dipendenti.
  • DODICESIMA TRADIZIONE
    L´anonimato e iI fondamento spirituale suo primario obiettivo spirituale da questioni finanziarie di tutte le nostre tradizioni e ci ricorda sempre di porre iI principio al disopra delle questioni personali.

iCagenda - Calendar

info[at]amabo.it - A.M.A.BO AUTO MUTUO AIUTO BOLOGNA

Form contatto e iscrizione Newsletter

I agree with the Terms and Conditions